Orfana

Cade anche l’ultima foglia
Scricchiola fragile vittima
Morta innocente lungo il cammino
In questo ciclico divenire
Di strade lungamente percorse
Non sono più forte di ieri
So solo che mi tocca andare
Anche se oggi comprendo
Che dei miei sogni più lontani
Non sono che una triste orfana

E non so più chi sono

Non ce la faccio
Non ci riesco
Mi cerco disperata
Eppure non mi trovo
Inutile nascondermi
Sotto mentite spoglie
Sono coltri di velluto
Ricche di strati sfavillanti
Che mi sembran fatiscenti
E non c’è scampo
Nessuna alternativa
A questo scempio
Un oceano di tempo
Mi separa dalla disfatta
Ho paura a continuare
Questo penoso tentativo
Di rimanere a galla
La mia dipartita
Forse è già scritta
O forse l’ho solo abbozzata
Ma in fondo ci ho provato
Con tutte le mie forze
Ogni fibra del mio corpo
Proteso fino a massima tensione
Peccato che davvero
Io non posso essere
Quella che non sono